Nessun commento

Benessere in casa: come rendere un ambiente sano

benessere in casa

Con l’emergenza coronavirus è emersa una nuova sensibilità, quella del benessere in casa. Vivere in un ambiente sano e salubre è ormai per tutti noi una priorità.

Stare bene in casa

Le nostre case sono diventate in poco tempo il fulcro della nostra vita. Le case sono oggi uffici, palestre, asili, scuole.
Chi prima tornava a casa solo per dormire, oggi ha veramente compreso cosa vuol dire avere una casa che possa assolvere a moltissime altre funzioni.

La casa è un ambiente sano?

Il Covid-19 è solo un microorganismo in più che va ad aggiungersi alla lista delle sostanze nocive che possono popolare ambienti confinati come le nostre case.

Microorganismi, batteri, pulviscolo, sostanze chimiche, possono annidarsi tra le superfici di casa ogni giorno, ecco perché è importante seguire alcune regole per mantenere l’ambiente sano:

  • aprire le finestre per almeno 5 minuti più volte al giorno per il ricambio costante dell’aria, quest’operazione andrebbe fatta anche in inverno
  • sfruttare la ventilazione naturale per mantenere la temperatura della casa costante. Grazie agli interventi di efficientamento energetico è possibile intervenire su questo aspetto. Molte delle nuove costruzioni valorizzano aspetti ecosostenibili e garantiscono una maggiore efficienza energetica
  • effettuare periodicamente una pulizia profonda per eliminare batteri, polveri e acari. Per queste operazioni è bene utilizzare detergenti neutri o di origine biologica per evitare che sulle superfici restino delle componenti chimiche dannose
  • controllare i detergenti utilizzati o i diffusori di essenza, spesso, soprattutto quelli con elevata profumazione contengono composti organici volatili (Cov) che hanno un impatto negativo sulla qualità dell’aria
  • sanificare almeno una volta l’anno tappeti e arredi tessili
  • lasciare le scarpe all’ingresso e utilizzare in casa solo ciabatte o pantofole
  • al rientro a casa lavare le mani prima di toccare altre superfici
  • dopo la doccia arieggiare il bagno, la condensa del vapore aumenta la probabilità che in bagno possano crearsi delle muffe
  • controllare gli infissi in legno, anche nel legno si possono nascondere muffe e batteri, meglio sostituirli con infissi in PVC o alluminio magari usufruendo dei vantaggi dell’Ecobonus
  • Esistono in commercio anche dei misuratori della qualità dell’aria per mantenere il benessere in casa.
    L’attenzione per il benessere in casa e gli ambienti sani sta crescendo e già in fase di progetto, le case di nuova costruzione, vengono realizzate sfruttando energie naturali e principi di sostenibilità ambientale.

    Open chat
    Powered by