Nessun commento

Ecobonus Decreto Rilancio: ecco le novità

ecobonus decreto rilancio

Il decreto Rilancio approvato dal consiglio dei Ministri ha definito nel dettaglio le misure per l’Ecobonus in risposta all’emergenza sanitaria Covid-19.

Dal 1° luglio sarà dunque possibile usufruire dell’ecobonus totale, con detrazione fiscale del 110% sulle spese sostenute entro il 31 dicembre 2022.

Le spese detrabili con Ecobonus sono quelle che riguardano

:

  • efficientamento energetico
  • messa in sicurezza degli edifici
  • Da quello che emerge, si accorceranno i tempi per i rimborsi del Fisco: 5 anni invece di 10.

    Chi può usufruire della detrazione fiscale al 110%

    L’ecobonus con detrazione fiscale al 110% può essere richiesto dalle persone fisiche per abitazioni che siano prima casa del contribuente siano esse indipendenti o in condominio.

    Interventi ammessi in detrazione

    Sono ammessi in detrazione gli interventi di coibentazione degli edifici aventi ad oggetto almeno il 25% della superficie esterna, per un massimo di 60.000 euro per ogni unità immobiliare indipendente o in condominio.

    Il limite di spesa scende a 30.000 euro per singola unità immobiliare per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti ad elevata efficienza.

    Limite di 48.000 euro per abitazione sull’installazione di pannelli fotovoltaici, purché avvenga assieme ad altri interventi agevolati, con l’obbligo però di cessione al Gse dell’energia autoprodotta e non consumata. Gli interventi, nel loro complesso, dovranno garantire il miglioramento di almeno due classi di prestazione energetica dell’edificio.

    Sono ammesse in Ecobonus le colonnine di ricarica per le vetture elettriche.

    Anche tutte le spese sostenute per la consulenza tecnica di professionisti, utili a realizzare gli interventi, possono essere detratte.

    Procedure necessarie per ottenere l’Ecobonus

  • pagare le fatture con bonifico parlante e inviare per via telematica la documentazione tecnica all’Enea
  • produrre una relazione che asseveri la congruità dei costi sostenuti
  • possibilità di cedere il credito fiscale a una banca o all’impresa fornitrice, che diventerà titolare dell’agevolazione oppure cederla a sua volta.
  • L’ecobonus approvato con il Decreto Rilancio può essere una buona occasione per risollevare le sorti del mercato immobiliare.
    La casa è da sempre un bene rifugio e anche in momenti di crisi resta un bene il cui valore offre garanzia e sicurezza.

    Open chat
    Powered by