Nessun commento

Coibentazione della casa: quali interventi realizzare

coibentazione della casa

La coibentazione definisce la capacità dell’immobile di trattenere il calore all’interno o all’esterno a seconda del periodo dell’anno.

Il tema della coibentazione delle case è piuttosto attuale, infatti fino agli anni ’90 difficilmente ci si imbatteva in costruzioni con una coibentazione efficiente.

Una casa con una scarsa coibentazione è come un’automobile con un buco nel serbatoio, c’è una costante dispersione dell’energia che incide direttamente sulle bollette di luce e gas.

Come avere una casa ben coibentata?

Oggi grazie all’Ecobonus è possibile accedere agli incentivi fiscali per migliorare la coibentazione della casa e ottenere così molteplici benefici:

  • risparmio sui costi delle utenze
  • vivere in un ambiente confortevole e sano
  • incidere positivamente sull’ambiente
  • Interventi per la coibentazione della casa

    Per migliorare la coibentazione di un casa è fondamentale intervenire su quattro principali componenti:

  • muratura
  • solai
  • infissi
  • impianti
  • Muratura

    Si può procedere alla coibentazione delle murature attraverso tre metodi fondamentali: cappotto interno, cappotto esterno e iniezione di
    materiale isolante all’interno dell’intercapedine della muratura.
    Tra queste tre la migliore è il cappotto esterno, perché più uniforme e quindi più efficace.

    Solai

    I solai si possono coibentare sostituendo il pacchetto di copertura esistente, sovrapporre al solaio esistente un nuovo pacchetto di copertura oppure realizzare uno strato coibente posato sulla superficie interna del solaio.

    Infissi

    I vecchi infissi con vetro singolo, in legno o in generale in presenza di spifferi, andrebbero sostituiti con infissi in grado di garantire una maggiore efficienza energetica.

    Impianti

    Tra gli interventi sugli impianti per migliorare la coibentazione della casa la scelta più utile è quella dei sistemi “radianti”. L’impianto termico a pavimento o a parete, infatti, lavora ad una temperatura nettamente inferiore a quella dei classici caloriferi, diminuendo il consumo della caldaia e mantenendo in casa una temperatura costante.

    A partire dal 1° luglio sarà possibile usufruire del super ecobonus per tutti gli interventi che hanno l’obiettivo di migliorare la classe energetica della casa.

    Un buon motivo per far partire i lavori anche nelle case in vendita che avranno così un valore maggiore sul mercato.

    Open chat