Nessun commento

Manutenzione impianti: IVA agevolata al 10% per gli immobili residenziali

L’Agenzia delle Entrate con la consulenza giuridica 11/2020 ha stabilito che gli interventi di manutenzione ordinaria possono usufruire dell’IVA agevolata al 10% se destinati a immobili residenziali e se previsti obbligatoriamente per legge.

Il responso dell’Agenzia delle Entrate nasce dall’interrogazione di un’Associazione di categoria. In particolare un’associazione di imprese operanti nel settore della manutenzione di impianti che ha sottoposto all’Agenzia delle Entrate la possibilità di applicare l’Iva agevolata al 10% per i lavori di manutenzione ordinaria richiesti da privati o imprese.

Quando è possibile richiedere l’IVA al 10%

L’Agenzia delle Entrate ha risposto citando l’articolo 7, comma 1, lettera b) della Legge 488/1999, in cui viene stabilito che l’aliquota Iva al 10% si applica agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e dunque in essi sono incluse:

  • manutenzione ordinaria
  • manutenzione straordinaria
  • restauro e risanamento conservativo
  • ristrutturazione edilizia
  • realizzati però prevalentemente su immobili privati con destinazione residenziale.

    L’Agenzia delle Entrate precisa inoltre che gli interventi di manutenzione ordinaria possono includere anche le piccole riparazioni.
    L’Iva agevolata al 10% dunque, sostiene l’Agenzia, si applica anche a quegli interventi di manutenzione obbligatoria come quelli previsti per ascensori o impianti di riscaldamento.

    Iva al 10% per la manutenzione degli impianti di riscaldamento

    L’Agenzia delle Entrate ha inoltre sottolineato che con la risoluzione 15/E/2013: “la revisione periodica obbligatoria degli impianti di riscaldamento condominiali o ad uso esclusivo, installati in fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata, ed il controllo delle emissioni degli stessi, in quanto riconducibili nell’alveo degli interventi di manutenzione ordinaria, costituiscono prestazioni di servizi soggette ad Iva con aliquota del 10%”.

    L’unica condizione affinché l’impresa di manutenzione possa applicare l’IVA agevolata al 10% è che
    gli interventi siano obbligatori per legge e siano destinati ad abitazioni residenziali.

    Allo stesso modo l’Agenzia delle Entrate specifica che non è possibile applicare l’IVA agevolata al 10% sui lavori di manutenzione destinati alla manutenzione degli impianti delle imprese, nonostante siano previsti per legge.

    Su interventi di manutenzione obbligatori per immobili residenziali è dunque possibile richiedere all’impresa di manutenzione l’applicazione dell’IVA al 10%.

    Open chat