TORRE DELL’ORSO

Torre dell’Orso, frazione del comune di Melendugno, in provincia di Lecce è una piccola cittadina situata sulla costa adriatica.
Muovendosi sulla costa da Lecce verso Sud, lungo l’Adriatico, si incontra Torre dell’Orso poco prima di arrivare a Otranto.

Torre dell’Orso deve il suo nome a una torre troncoconica affacciata sul mare al centro della città.
La torre risale al XVI secolo, come tante altre torri costiere nel Salento, la sua funzione era quella d’avvistamento delle navi turche.

L’origine del nome è piuttosto ambigua, potrebbe derivare da Torre degli Urso, cognome di una nobile famiglia che governava la città nell’antichità oppure da Torre Sant’Orsola, ritenendo che le torri costiere abbiano sempre un nome di Santo.
Un’altra leggenda vuole che il nome sia legato alla foca monaca, che un tempo popolava la baia, e che il popolo chiamava orso; altra leggenda di origine popolare lega il toponimo alla somiglianza della roccia, su cui si staglia la torre, al profilo di un orso.

La baia di Torre dell’Orso

Torre dell’Orso è una località turistica resa famosa per le sue ampia spiaggia, circondata da una pineta rigogliosa.
La baia, al centro della città, sotto la torre, ha la forma di una mezza luna, la sabbia è bianca e finissima, il mare cristallino, ed è incastonata tra due tratti di costa rocciosa.
In un capo della spiaggia si staglia la torre costiera, mentre nell’altro capo si alzano fieri dal mare i faraglioni delle Due Sorelle.
Torre dell’Orso ha conquistato il titolo di Bandiera Blu per molti anni consecutivi ed è anche una delle migliori spiagge attrezzate del Salento.

La grotta di San Cristoforo

Nei tratti di costa rocciosa ai lati della spiaggia bianca è possibile ammirare molteplici grotte naturali. Le grotte erano un tempo rifugio dei pescatori o di eremiti.
Una grotta in particolare, che ha il nome di grotta San Cristoforo, è di origine umana e ha un valore artistico e culturale inestimabile. Nella grotta restano testimonianze della presenza umana datati alcuni secoli prima di Cristo. Sulle pareti calcaree ci sono graffiti in lingua greca e latina, la grotta probabilmente era utilizzata come un luogo di culto, in essi i naviganti si affidavano agli Dei.
Ne è testimonianza una preghiera incisa da Felicior Hispanus, navigante che affidava il suo viaggio alla benevolenza degli Dei.

I faraglioni delle Due Sorelle

I faraglioni delle Due Sorelle rappresentano un’altra leggenda di Torre dell’Orso.
Nei racconti popolari viene tramandata la storia di due sorelle che un giorno decisero di evadere dalla loro quotidianità per andare al mare. Arrivate sul tratto di costa rocciosa di Torre dell’Orso si tuffarono in mare, senza però più riuscire a ritornare a riva.
Gli Dei che ebbero compassione della loro sorte, le trasformarono in due rocce, i faraglioni delle Due Sorelle.

La rotta più vicina tra Albania e Italia

Nei tempi antichi la rotta tra la baia Torre dell’Orso (un tempo antico porto della città di Roca) era già riconosciuta come la rotta più breve tra Italia e Albania, tra le due coste ci sono solo 80 km di distanza, probabilmente anche Virgilio, nell’Eneide si riferiva a questo tratto di costa:

«E di vèr l’Orïente un curvo seno
in guisa d’arco, a cui di corda in vece
sta d’un lungo macigno un dorso avanti,
ove spumoso il mar percuote e frange.
Ne’ suoi corni ha due scogli, anzi due torri,
che con due braccia il mar dentro accogliendo,
lo fa porto e l’asconde; e sovra al porto
lunge dal lito è ‘l tempio.»
(Virgilio – Eneide, libro III)

I giardini del sole a Torre dell’Orso

I Giardini del Sole di Torre dell’Orso sono il riferimento per la stagione estiva. Si tratta di un’area divertimento adatta alle famiglie con bambini e non solo.
Questa parte della città ospita momenti di intrattenimento, giochi, mercatini e altri eventi che animano l’estate in città.
Tutto si colloca al centro della città, rendendo Torre dell’Orso un luogo a misura d’uomo, ogni luogo è raggiungibile a piedi, senza la necessità di ricorrere all’auto o ai mezzi pubblici.

Cosa vedere nei pressi di Torre dell’Orso

A pochi chilometri da Torre dell’Orso c’è la bellissima Grotta della Poesia, in località Roca, una delle più belle piscine naturali del Salento. Si tratta di una ampia apertura circolare nella roccia con accesso al mare, a causa della fragilità della roccia l’accesso è limitato.

Come raggiungere Torre dell’Orso

Per raggiungere Torre dell’Orso partendo da Lecce è possibile scegliere tra più alternative: la strada litoranea, seguendo la costa adriatica oppure la strada statale Lecce-Maglie.

In treno è possibile raggiungere Torre dell’Orso da Lecce con i treni delle Ferrovie del Sud Est.

Nei periodi estivi Otranto è raggiungibile anche in autobus con il servizio Salentoinbus.

Dove mangiare a Torre dell’Orso

Soul Food
Lungomare Matteotti,
73026 Torre Dell’Orso, Melendugno LE
329 428 2412

Casaccia La Parabirreria
Via Filippo Turati, 3
73026 Torre dell’Orso LE
333 141 8647

Bakè Ristorante
Via dei Pini, 18
73026 Torre dell’Orso LE
338 882 2318

Dentoni
Via Matteotti, 23
73026 Melendugno LE
0832 841485

Open chat
Powered by